Coronavirus: disposizioni 6 marzo

I vescovi della Regione Emilia-Romagna hanno deciso di sospendere ogni celebrazione della Messa per domenica 8 marzo. Le chiese rimarranno aperte per permettere la preghiera personale e il dialogo con i preti. Viene incoraggiata la preghiera nelle famiglie e nelle case

Tutta la diocesi in preghiera contro il coronavirus

Il vescovo Toso propone a tutta la diocesi un triduo di preghiera alla Beata Vergine delle Grazie contro il coronavirus ed ogni malattia: giovedì 5, venerdì 6, sabato 7 marzo ore 20.45 reciterà il rosario nella cappella della Madonna in cattedrale.

La preghiera sarà fatta a porte chiuse: in fedeli sono invitati ad unirsi pregando nelle proprie case o seguendo la diretta streaming su Youtube (Sinodo dei Giovani – Faenza) o Facebook (GVFaenzaModigliana).

Prodotti artigianali da Visso

Nelle domeniche 8 e 15 marzo in chiesa a Reda sarà possibile ordinare prodotti artigianali dal territorio di Visso, per sostenere la ripresa di quell’economia locale, provata dal terremoto.

Guarda il volantino con il catalogo dei prodotti.

Coronavirus: disposizioni 2 marzo

I vescovi della regione ecclesiastica Emilia-Romagna hanno emesso un comunicato stampa con nuove misure per prevenire la diffusione del COVID-19. In particolare:

  • la Messa feriale sarà celebrata senza la partecipazione dei fedeli fino a sabato 7 marzo;
  • per i funerali si farà la celebrazione delle esequie ma senza la Messa e con i soli familiari;
  • sono sospese le benedizioni pasquali, le feste e le sagre parrocchiali;
  • il catechismo è sospeso e riprenderà con la riapertura delle scuole;
  • le attività di oratorio sono sospese fino all’8 marzo;
  • sono permesse le consuete visite agli ammalati.

Coronavirus: disposizioni 27 febbraio

Seguendo gli sviluppi del contagio del coronavirus, il vicario generale della diocesi ha dato nuove disposizioni, che annullano quelle date in precedenza. In base alle nuove norme:

  • rimane importante evitare concentrazioni di persone in spazi ristretti e per lungo tempo;
  • la celebrazione della Messa, sia feriale sia festiva, è adesso consentita; tuttavia è sospeso il precetto festivo, per cui le persone che non partecipano alla celebrazione preghino nelle loro case e non si sentano vincolate in coscienza;
  • non ci sarà acqua benedetta nelle acquasantiere, lo scambio della pace è sospeso, la comunione sarà distribuita solo sulla mano;
  • eventuali funerali saranno celebrati alla presenza dei soli familiari;
  • le attività di catechismo riprenderanno alla riapertura delle scuole.

Leggi il comunicato completo.

Resoconto attività Caritas 2019

La CARITAS (organismo pastorale per la promozione della carità) della nostra Unità Pastorale ha inaugurato la sede di San Giovannino il 25 novembre 2018. Il 2019 è stato il primo anno operativo, coinvolgendo le parrocchie rurali di Basiago, Pieve Corleto, San Giovannino, San Barnaba, Reda, Albereto e Prada per le proprie finalità rivolte al bene delle persone e all’animazione caritativa delle parrocchie.

ATTIVITA’ SVOLTE
E’ stata presa in gestione l’attività del BANCO ALIMENTARE già presente, intestata a Basiago e, in collaborazione con la CARITAS diocesana di Faenza, il ritiro e la distribuzione di eccedenze di alcuni supermercati di Faenza. Da novembre 2018 anche a Reda, presso il supermercato CONAD Margherita, è iniziata la la partecipazione alla Colletta Alimentare in collaborazione con il gruppo catechisti di Reda. Da alcuni mesi sono state coinvolte le parrocchie attraverso la richiesta di donare viveri, in occasione della Messa dell’ultima domenica del mese, riscontrando una risposta molto positiva e partecipata. I viveri così raccolti vengono distribuiti una o due volte al mese a diversi nuclei familiari, per un numero di persone variabile fra 20 e 30. La variabilità nel tempo deriva dal fatto che alcune situazioni di indigenza si risolvono, altre nuove emergono.

Nel mese di giugno 2019 si è organizzato un ritrovo conviviale presso la sede con il coinvolgimento di volontari/assistiti, anche accompagnati da familiari, per favorire le relazioni personali.

Dieci nostri volontari hanno partecipato al corso di formazione della Caritas diocesana per l’attività di ascolto alle persone che richiedono sostegno; fra questi, cinque operatori hanno poi iniziato regolarmente l’ascolto da novembre 2019, ogni martedì alle 18. Al momento sono stati incontrati 8 nuclei familiari di cui fanno parte 23 persone, riscontrando che diverse situazioni necessitano di importanti supporti finanziari, pedagogici, d’inserimento lavorativo, abitativo e di assistenza per la gestione del denaro. Operando in rete con i servizi sociali, istituzionali e con la CARITAS di altri territori, si lavora per progettare percorsi personalizzati sulle esigenze specifiche delle diverse famiglie assistite.

Il gruppo sollecita anche il sostegno della preghiera, dal momento che le proprie attività nascono dalla fede: per questo ha curato l’animazione della giornata mondiale del povero (17 novembre 2019) nelle Messe festive delle parrocchie.

INVESTIMENTI
È stato ottenuto un contributo da Caritas italiana per coprire una parte degli investimenti per una sobria ristrutturazione della sede. Un contributo diocesano dai fondi 8xmille ha permesso di aiutare persone assistite per spese relative all’abitare e alla mobilità.
Alcune nostre parrocchie hanno donato fondi per contribuire all’aiuto dei più fragili:
• Parrocchia di Basiago, autofinanziamento con pasta fatta a mano, € 287,00
• Parrocchia di Albereto, autofinanziamento con pasta fatta a mano, € 200,00
• Parrocchia di Basiago, incasso offerta libera ingresso ultima serata finali e semifinali torneo “Sotto le Stelle”, € 810,00
• Altre offerte da privati, € 100,00

PROSPETTIVE
Attualmente si fa un ottimo servizio con i viveri a disposizione; emerge però un grande bisogno di sostegno economico per bollette e affitti, per cui il gruppo CARITAS sta valutando come coinvolgere le parrocchie per reperire risorse.

Il gruppo CARITAS sta aiutando alcune famiglie indigenti, ma desidera mettersi al servizio di qualsiasi forma di fragilità e bisogno nel nostro territorio; chi fosse a conoscenza di situazioni bisognose di attenzione, ce le può segnalare con discrezione (cell. 371 398 1615).

Faenza, 12 febbraio 2020

Preghiera in famiglia per le Ceneri

Visto il divieto di celebrare la Messa in questi giorni, siamo invitati a riscoprire la preghiera in famiglia:

  • sul tavolino in fondo alla chiesa ci sono i foglietti con le letture del mercoledì delle ceneri (26 febbraio) e della prima domenica di quaresima (1 marzo): possono essere presi liberamente e portati a casa per la preghiera;
  • per una preghiera famigliare nel mercoledì delle ceneri si può anche usare questo schema.

Coronavirus: disposizioni 23 febbraio

Il vicario generale della diocesi ha dato disposizioni per contenere l’epidemia COVID-19: tali disposizioni sono in vigore da lunedì 24 febbraio a domenica 1 marzo compresi e potranno subire variazioni, dato che la situazione è in continua evoluzione.

Ecco le misure adottate:

  • è da evitare ogni concentrazione di persone in volumi ristretti e per lungo tempo;
  • le chiese rimangono aperte per la preghiera personale;
  • le Messe e le celebrazioni liturgiche sono sospese (comprese quindi le Messe del mercoledì delle ceneri e della prima domenica di quaresima): i fedeli sono invitati a trovare occasioni di preghiera e meditazione personale in famiglia;
  • anche le benedizioni pasquali sono sospese;
  • i funerali saranno celebrati senza Messa, con il semplice rito delle esequie e alla presenza dei familiari più stretti;
  • sono sospese le attività di catechismo, oratorio, gruppi parrocchiali, Caritas e ogni genere di aggregazione.

Leggi il comunicato completo.

Benedizioni pasquali 2020

Le benedizioni non sono state fatte a causa delle restrizioni per l’epidemia COVID-19: don Alberto spera di poter recuperare nel mese di maggio.

Durante la quaresima il parroco farà visita a tutte le famiglie della parrocchia per le benedizioni pasquali. L’orario indicativo è dalle 15 alle 19: chi non potesse essere presente può concordare per giorni e orari diversi (cell. 329 1548 299 anche WhatsApp – parrocchiareda@gmail.com).

Uno dei grandi patriarchi della nostra fede è Giacobbe. Non era certo uno stinco di santo, eppure Dio lo ha scelto per portare avanti la sua storia di salvezza. Si racconta che una notte, mentre dormiva all’aperto con la testa poggiata su una pietra, Giacobbe fece un sogno: una scala poggiava sulla terra, mentre la sua cima raggiungeva il cielo e gli angeli di Dio salivano e scendevano su di essa (Genesi, cap. 28). Quando Giacobbe si svegliò disse: “certo, il Signore è in questo luogo e io non lo sapevo” e chiamò quel luogo Betel, “casa di Dio”. Giacobbe si rende conto che anche nei gesti più quotidiani e nei luoghi più normali c’è una presenza forte di Dio. Queste benedizioni pasquali possano aiutarci a riscoprire la presenza di Dio nella nostra famiglia e nella nostra casa.

  • mercoledì 4marzo: Via Selva Fantina (pari da 50 a 72 e dispari da 63 a 109)
  • venerdì 6 marzo: Via Reda (pari da 212 a 180 e dispari da 257 a 241)
  • lunedì9 marzo: Via Reda (pari da 178 a 126 e dispari da 237 a 221)
  • martedì10 marzo: Via Cangia
  • mercoledì 11 marzo: Via della Cantina, via Cupa, Via Palazzone
  • venerdì13 marzo: Via Pianetta, via Fabbrerie, via Lunga, Via Badiazza
  • lunedì 16 marzo: Via Saldino
  • martedì 17 marzo: Via Sacramora
  • mercoledì 18 marzo: Via Burattina, Via Milana, via Corleto
  • venerdì 20 marzo: Via Argine Montone, via Gasparetta
  • lunedì23 marzo: Via Prati, via Modanesi, via Basiago
  • martedì 24 marzo: Via Selva Fantina (pari da 36 a 2, dispari da 31 a 1), Piazza Don Milani
  • mercoledì 25 marzo: Via Birandola (dispari da 5 a 125)
  • venerdì 27 marzo: Via Birandola (pari da 164 a 58)
  • lunedì30 marzo: Via Del Vecchio Borgo, via Birandola (pari da 2 a 52)
  • martedì 31 marzo: Via Caroli, Via Placci (pari)
  • mercoledì 1 aprile: Via Placci (dispari da 1 a 59)
  • venerdì3 aprile: Via Placci (dispari da 61 a 89)
  • lunedì 6 aprile: Via Guido Da Prata

Dalla cenere alla vita

Mercoledì 26 febbraio inizia il tempo di quaresima (S. Messa ore 20), un percorso di fede durante il quale la Chiesa ci prende per mano e ci accompagna domenica dopo domenica fino alla Pasqua.

Quest’anno nella solenne veglia pasquale del sabato santo (11 aprile) la nostra comunità celebrerà il battesimo di due bambine: il cammino inizia così con il rito penitenziale delle ceneri e culmina con l’acqua benedetta del battesimo. Mentre la vita biologica parte dall’acqua dell’utero e corre inesorabilmente verso la cenere della morte, secondo la logica del logoramento progressivo, la vita di fede fa il percorso contrario: c’è subito qualcosa da lasciare e da distruggere, perché poi la rinascita come figli di Dio rimanga per sempre, aprendoci all’eternità.